Al Palazzo Arnone, fino al 26 novembre 2017 – Mostra POLO POSITIVO

Mostra opere finaliste
POLO+
POLO POSITIVO | IMMAGINI X LA CALABRIA
Concorso per giovani artisti [ fotografia e video art ] under 40
Cosenza – Galleria Nazionale di Cosenza – Palazzo Arnone
Fino al 26 novembre 2017

La mostra delle opere finaliste del progetto Polopositivo, concorso per giovani artisti [ fotografia e video art ] under 40, allestita a Cosenza – Galleria Nazionale di Cosenza – Palazzo Arnone, rimarrà aperta al pubblico fino al 26 novembre 2017.

La giuria, designata da Angela Acordon direttore del Polo museale della Calabria, composta da Melissa Acquesta e Gemma-Anaïs Principe, curatrici del progetto; Giulio Archinà, fotografo; Maria Flora Giubilei, direttore dei Musei di Nervi; Leonardo Passarelli, docente di Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università degli Studi della Calabria; Luigi Ratclif, segretario GAI – Circuito dei Giovani Artisti Italiani; Marilena Sirangelo, gallerista; Angela Tecce, direttore Fondazione Real Sito di Carditello; Massimiliano Tonelli, direttore responsabile Artribune; ha decretato i seguenti vincitori:

Sezione fotografia: Martina Ceravolo con l’opera Visione velata e POLI INVERSI con l’opera PassivoAttivo
Sezione video: Domenico Isabella con l’opera Il passo della sposa e Giacomo Triglia con l’opera In Dreams.

Artisti in mostra:
sezione fotografia: Martina Ceravolo, Niccolò De Napoli, Francesca Ferraiuolo, Anna Rita Iusi, Mirella Nania, POLI INVERSI (Giuseppe Lo Schiavo – Roberto Sottile).
sezione video: Marta Frei, Salvatore Insana, Domenico Isabella, Giacomo Triglia.

L’iniziativa si avvale del patrocinio del Comune di Cosenza e della media-partnership di SMALLZINE, periodico trimestrale dedicato all’arte contemporanea a cura di Loredana Barillaro.

La mostra delle opere finaliste del progetto Polopositivo rimarrà aperta al pubblico fino al 26 novembre 2017 e potrà essere visitata secondo il seguente orario: ore 10.00/18.00 dal martedì alla domenica. Ingresso gratuito

http://polocalabria-projects.beniculturali.it
pm-cal.polopositivo@beniculturali.it

Mostra opere finaliste
POLO+
POLO POSITIVO | IMMAGINI X LA CALABRIA
Concorso per giovani artisti [ fotografia e video art ] under 40
Cosenza – Galleria Nazionale di Cosenza – Palazzo Arnone
Fino al 26 novembre 2017

Polo Museale della Calabria
Direttore: Angela Acordon
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone (responsabile)
Tel.: 0984 795639 fax 0984 71246
pm-cal.ufficiostampa@beniculturali.it

Courtesy photo: Francesco Aloe

———————————————————————————
La Galleria Nazionale di Cosenza, situata nel prestigioso Palazzo Arnone, sede della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria, è costituita dalla collezione dei dipinti che, a partire dagli anni Ottanta del Novecento, sono stati acquisiti al patrimonio dello Stato.

Documenta momenti significativi dell’arte italiana, in particolare meridionale, dal Cinquecento al Novecento ed espone opere di pittori nati in Calabria, da Pietro Negroni a Mattia Preti a Umberto Boccioni e, in considerazione della storica dipendenza della Calabria da Napoli, di artisti napoletani che hanno influenzato gli esiti della pittura locale.

Il palazzo, iniziato a costruire agli inizi del XVI secolo da Bartolo Arnone, fu venduto allo Stato prima del suo completamento. Nella sua lunga storia ospitò i presidi di Calabria Citeriore e il Grande Archivio di Giustizia, fu prima sede del Tribunale e della Regia Udienza e col tempo assunse la funzione di carcere.

Nel 1734 in seguito ad un tumulto popolare e nel 1747 a causa di una rivolta delle donne che vi erano detenute, subi’ due incendi abbastanza gravi che lo resero inagibile per un determinato periodo di tempo. In seguito alla sua ristrutturazione, per volontà dell’allora Governatore delle Calabrie, nel 1758 venne arricchito dalla costruzione agli angoli di quattro bastioni (un primo era stato eretto dal preside Filomarino nel 1747).

Subi’ gravi danni durante il catastrofico terremoto del 1854 che fece crollare l’ultimo piano ed in seguito assunse la duplice funzione di tribunale ubicato nel piano superiore e di carcere mandamentale ubicato nel piano inferiore.

Dopo il trasferimento del carcere, ed un periodo di abbandono, iniziarono i lavori per l’adattamento della struttura a sede museale. Nella piazza antistante venne piantato uno degli alberi della libertà e nel vasto androne con volta a botte è affrescato lo stemma del Reame di Spagna datato 1775.

Condividi
Vuoi aggiungere la tua attività su Jblasa.com, scrivi a: jblasa@jblasa.com

Tag:
Categorie: Calabria > Cosenza > Musei
Visite: 698

Lascia un commento

X