Santa Severina, tra i Borghi più belli della Calabria e dell’Italia

Il territorio di Santa Severina (Mappa) – (in particolare i siti di Serre d’Altilia, Monte Fuscaldo, insieme a molti altri), durante le età del bronzo e del ferro, era abitato da popolazioni indigene appartenenti forse al ceppo degli Enotri, come peraltro supposto in base alle ricerche (fine degli anni’70 del XX secolo) del Gruppo Archeologico Krotoniate e di P. Attianese e confermato dalle indagini condotte a partire dagli anni ’80 dall’archeologo Domenico Marino.

Sulla collina Serre della frazione Altilia, già all’inizio degli anni ’80, furono individuati alcuni lembi di un insediamento di origine italica e tracce di una necropoli dell’età del ferro. Alla metà degli anni ’90 si deve la scoperta di un insediamento databile all’età del bronzo finale grazie al vasto programma di ricerca archeologica sviluppato nel territorio di Crotone.

Il Castello
Sottoposto dal 1991 al 1998 ad un accurato restauro, il castello è composto da un maschio quadrato con quattro torri cilindriche angolari e fiancheggiato da quattro bastioni sporgenti in corrispondenza delle torri, e domina la piazza del paese. La sua costruzione risale all’epoca della dominazione normanna (XI secolo) su una fortificazione preesistente di epoca bizantina. Nel corso dei secoli e dei passaggi dalle varie famiglie regnanti, ha subito varie modifiche. Si ipotizza che l’area dove sorse il Castello fosse già occupata in età greca, come fatto supporre da alcuni scavi condotti durante il restauro. Di notevole interesse sono i resti di una chiesa bizantina (con pareti affrescate) e di una necropoli dello stesso periodo storico.

Di interesse gli scavi condotti, nel 2008-2009, dalla Soprintendenza archeologica nel cosiddetto “avamposto C” e nella “grotta del coniglio”. Altre ricerche archeologiche, nel corso del 2011, hanno evidenziato l’uso abitativo o funerario di numerosi anfratti della rupe, ora difficilmente raggiungibili ed a rischio di frana. Nel Castello ha sede il Museo Archeologico, dove sono esposti reperti – di proprietà dello Stato – provenienti dal territorio o rinvenuti nel corso degli scavi nella fortificazione. Sono visitabili alcune aree archeologiche (grotte, necropoli, chiesa bizantina, fondazione torre normanna etc.) messe in luce nel corso degli scavi condotti dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria.

Condividi
Vuoi aggiungere la tua attività su Jblasa.com, scrivi a: jblasa@jblasa.com

Tag:
Categorie: Borghi > Costa dei Saraceni > Crotone
Visite: 707

Lascia un commento

X