Turismo in Calabria - Guida Turistica della Calabria

2° Trofeo AxB per Pietro Mennea il 13 agosto 2019 a Malvito (CS)

Con il Patrocinio del C.O.N.I. e del Comune di Malvito, e con l’amichevole sostegno della US Management e dell’ACLI Regione Calabria, creata dall’Avv. Ugo Scalise, giorno 13 agosto 2019 alle ore 18,00 si terrà a Malvito (CS), la Manifestazione Sportiva “2° Trofeo AxB per Pietro Mennea”, gara podistica non competitiva sulla distanza di 6 Km riservata a tutte le categorie: dai ragazzi agli over 60, maschili e femminili. A seguire, la gara dei 200 metri piani su strada riservata ai Bambini.

Il 12 settembre del 2009 la “Freccia del Sud” Pietro Paolo Mennea veniva a festeggiare a Malvito i 30 anni del suo fantastico record sui 200 metri che corse in 19″72 alle Universiadi di Città del Messico. Un grande record del mondo destinato a restare nella storia anche dopo il 1996 quando Michael Johnson lo superava. Il record di Mennea rievoca oggi l’immagine di un’impresa simbolo dello sport nazionale e non solo che vive ancora nel cuore di ogni sportivo così come il ricordo dell’Uomo che lo suggellò.

Pietro Mennea non è più con noi, sono trascorsi altri dieci anni da quella favolosa serata di Città del Messico e noi vogliamo ricordarlo ancora con una gara di corsa per le strade di Malvito, riservata a tutte le categorie femminili e maschili e con una gara sui cento metri riservata ai Bambini così come realizzata nel 2009 quando Pietro, collegato con una radiomobile con lo starter alla partenza, attendeva con il cronometro in mano ma soprattutto con un gran sorriso i Bambini al traguardo.

Vogliamo ripetere quella bellissima esperienza giorno 13 p.v., nella certezza che Pietro Mennea continuerà a correre a fianco degli Atleti che parteciperanno alla Manifestazione e, soprattutto, ai Suoi Bambini.

Nella speranza di pubblicazione, alleghiamo un “foglio notizie” sulla nostra organizzazione e un ricordo personale dell’ esperienza e del rapporto di Amicizia di questo Presidente con il Campione Pietro Mennea.

Un po’ di notizie sull’Associazione

L’AxB Associazione Amci per i Bambini, già Avvocati per i Bambini, è già impegnato da diversi anni sul fronte umanitario a favore dei Bambini di tutto il mondo che vivono gravi situazioni di disagio. Un gruppo di lavoro che si impegna con costanza e dedizione a prestare maggiore attenzione al mondo dei minori, nella convinzione che lo sforzo dei soggetti impegnati nel sociale consente di dare più forza a tutte le istanze cui le Istituzioni sono chiamate a rispondere.
L’Associazione muove i primi passi nel 1988 quando viene a crearsi l’esigenza di aiutare i Bambini di Mino Damato affetti dal virus HIV o sieropositivi di Bucarest in Romania. Nel 2016, anche al fine di riconoscere formalmente la dedizione e l’adesione al gruppo di non solo Avvocati e tecnici ma anche di gente comune e Amici con a cuore i problemi dei Bambini, l’Associazione si costituisce come AxB Amici per i Bambini ereditando la storia passata che fa sua, al fine di continuarne l’opera meritoria e umanitaria che negli anni passati l’ha caratterizzata.
Per reperire i fondi necessari da destinare alle necessità dei Bambini, l’Associazione organizza convegni, manifestazioni sportive, rappresentazioni teatrali e spettacoli in grado di raccogliere l’attenzione della gente e sensibilizzarla in misura tale da ottenerne il costante aiuto.

Tra le attività che svolge, i progetti realizzati e/o in fase di realizzazione, la AxB ricorda:
– La costante assistenza alla “Fondazione Bambini in Emergenza” istituita da Mino Damato, che si prende cura dei Bambini affetti dal virus HIV o sieropositivi di Bucarest, prima ricoverati in buie e sporche stanzette dell’ Ospedale Victor Babes ed ora ospiti del villaggio costruito e sostenuto a Singureni (località sita a 40 Km da Bucarest).
– La costruzione in località ‘La Quintas’, estrema periferia della città ‘La Plata’ (Buenos Aires) in Argentina, della “Casita de Ughetto” che ospita i Bambini più piccoli, dai 45 giorni ai 3 anni, del “Jardin Maternal”.
– Il costante sostegno all’A.I.S.N.A.F. Associazione Italiana Sindromi Neurodegenerative da Accumulo di Ferro, che opera su territorio nazionale ed internazionale per combattere una rarissima malattia genetica di carattere neurodegenerativa gravemente invalidante
– L’approvvigionamento di beni di ogni genere e medicinali per l’ Ospedale Pediatrico di Belgrado. Nel corso dell’ultimo conflitto in Serbia, l’AxB per ben due volte su tre tentativi è riuscita a varcare i confini dell’ex Iugoslavia e a consegnare i medicinali nonostante i pericoli della guerra in corso.
– Collabora con la “Fondacion Pupi”, Fondazione fondata e seguita dal capitano della squadra di calcio dell’Inter Javier Zanetti, un grande amico dell’AxB. La Fondazione si occupa dell’assistenza dei Bambini bisognosi di Buenos Aires in Argentina.
– L’assistenza alla Associazione per la Sclerosi Tuberosa di Grottaferrata; dell’Associazione ADESPE di Napoli; dell’Organizzazione Umanitaria Bambini nel Deserto Onlus; dell’Associazione per l’assistenza di Minori in difficoltà Casa di Kim; dell’assistenza all’Associazione SOS Children’s Villane Plagiari di Thessaloniki (Grecia); della Fondazione “Villaggio Don Bosco”di Tivoli (Roma); delle Associazioni Ludovico Pavoni, Iniziativa Amica, Suore Francescane di Roma, Protettorato Opera Pia S. Giuseppe, Bambini cardiopatici di Milano, Casa Famiglia Chiara e Francesca di Torvaianica, Cuore Onlus ecc ….

– Il costante aiuto ai centri sociali e di assistenza dei Bambini vittime di soprusi e/o abbandonati costituiti in Calabria, presso i Comuni di Calopezzati, Firmo, Corigliano e Rossano Calabro.
– La costante assistenza a decine di Case di Accoglienza di Bambini in difficoltà su tutto il Territorio Nazionale.
– I corsi sulla legalità che la AxB, in collaborazione con il Servizio Postale e delle Comunicazioni della Polizia di Stato, organizza sul territorio Nazionale e presso gli Istituti della Scuola Primaria. I Corsi alla legalità, hanno come obiettivo quello di a fare apprendere ai minori i problemi e i rischi connessi all’improprio utilizzo dei mezzi di informazione ed informatici nonché il comportamento da assumere nella ipotesi in cui vengano, essi minori, a contatto con persone sconosciute e/o di dubbie intenzioni. I corsi, che durano di media da 1 a 3 giorni, vengono tenuti da professionisti e tecnici specializzati nel settore minorile.
– La realizzazione di adozioni a distanza di Bambini in difficoltà, in tutto il modo. Segue in particolar modo, l’adozione a distanza dei Bimbi ospiti della Associacìon Civil sin fines de lucro “La Maquina de los Suenos” di La Plata (Argentina) e della “Escola do Futuro de Atibaia” (Brasile).

Questo e molto altro ancora ….

Io e Pietro Mennea

Ho vissuto la mia vita di giovane sportivo nel culto dell’ immagine di Pietro Mennea: l’Atleta … la “Freccia del Sud” … il solo nel mio immaginario a poter battere sin’anche la vecchia Littorina , unico treno veloce ambito da tutti. I ritagli di giornali con le sue imprese erano costantemente visibili sul mio scrittoio e gli album che oggi li raccolgono costituiscono un tesoro da cui non mi separerò mai.

Amavo l’atletica e nel corso dei miei studi universitari a Roma, mi allenavo con il gruppo del Cus Roma sotto la direzione di Carlos Blaszevic campione Peruviano di mezzofondo trasferitosi in Italia alla fine della carriera sportiva. Non ero un fulmine … il mio miglior tempo era e rimase gli 11 sec. netti realizzati allo Stadio Olimpico nel corso delle selezioni per i Campionati Nazionali di categoria.

Carlos era a conoscenza della mia grande passione per il Campione Mennea.

Fu così che una mattina dell’ottobre 1997 con Mennea fresco del 19.72 stabilito alle Universiadi di Città del Messico il 12 settembre, mentre facevo il mio canonico riscaldamento sulla pista di atletica dello Stadio dei Marmi, ebbi una … visione … Pietro Mennea sceso in pista ad allenarsi. Incredibile, avevo il mio mito, il Grande Campione lì non lontano da me. Avevo solo occhi per lui … osservavo ogni suo movimento nel tentativo di carpirne qualche piccolo dettaglio che mi potesse spiegare il fenomeno … . Carlos si accorse della mia “distrazione” … mi si avvicinò e mi chiese se avessi il desiderio di fare un “allungo” con lui (l’esercizio consisteva in ripetute di scatti sui 60/70 metri). Io risposi a Carlos che era impietoso prendermi in giro in quel modo e che mai avrei potuto sperare di fare una esperienza simile “ … figuriamoci se Pietro Mennea si abbassa a fare un cosa del genere con uno sconosciuto come me” dissi a Carlos il quale, senza nulla dire, si allontanò da me per raggiungere Mennea. I due parlottarono per qualche secondo e immediatamente dopo Mennea mi fece cenno con la mano invitandomi ad avvicinarmi. Incredulo e tremante lo feci … lui mi strinse la mano e io non riuscii neppure a dirgli che lo ammiravo che ero felice di conoscerlo e lui, togliendomi dall’imbarazzo mi chiese “… ti va di fare un allungo insieme …?” . Un sogno credevo fosse tutto un sogno … dissi di sì e messomi in posizione (leggermente piegato in avanti) tremolante mi preparai a partire aspettando che lo facesse prima il Campione. Mennea partì allungando e io dietro di lui con il mio sogno. Mennea correva credo al 50/60 % delle sue possibilità io quasi al 100% utilizzando quei miei 11 secondi netti. Testavo indietro di almeno quattro metri: tre per la ovvia potenza superiore di Mennea ed uno per il rispetto che serbavo al mio idolo come si fa sul palcoscenico a teatro quando il protagonista deve avere almeno un passo più avanti degli altri, nel rispetto della propria figura. Quei 70 metri di prato volevo non terminassero mai perché assieme al prato sarebbe finito anche il mio magico momento … quello che mi appariva come un meraviglioso sogno. Terminato l’allungo, ringraziai Mennea e finalmente riuscii a dirgli quanto grande era la mia stima nei suoi confronti.
Dopo avere conosciuto Pietro Mennea “Atleta” … avevo conosciuto anche il Pietro Mennea “Uomo” ne ero felice e quell’episodio è rimasto il momento più bello da me vissuto quale sportivo convinto ed entusiasta, nonostante poi a seguire altre belle esperienze fui poi chiamato a fare.

Ho rincontrato successivamente Mennea alla fine degli anni 80 quando da laureato in Giurisprudenza aveva cominciato a frequentare il Tribunale di Roma per svolgere la “pratica forense” utile a diventare Avvocato. Mi fu ripresentato in un corridoio del Tribunale di Roma da un comune caro amico, anche lui vecchio campione di corsa. Io ricordai a Mennea l’episodio dello Stadio dei Marmi e lui … ne fu felice. Da allora ebbi modo di incontrarlo più volte anche fuori dai locali del Tribunale ed era sempre piacevole intrattenersi a parlare con lui … aveva sempre cose nuove ed interessanti da discutere.
Seguii anche dei Seminari da lui organizzati sullo Sport, il Doping e altro. Una volta, addirittura, ne organizzò uno nel corso del quale intervenì anche Ovens un suo caro Amico e grande Campione.

Prima dell’estate del 2009, incontrai Pietro, ormai eravamo diventati Amici. Parlando del più e del meno, ricordammo insieme che era il trentesimo anno dal record e che sarebbe stato bello ricordarlo con un avvenimento. Pietro mi disse che in molti gli avevano proposta di organizzare manifestazioni faziose ed importanti ma che a lui quel tipo di “festeggiamenti” non aggradava molto. Allora io spontaneamente dissi “.. vieni a ricordare quel bel momento a Malvito (il mio Paese di origine in provincia di Cosenza) …” ovviamente la mia la consideravo una spiritosa “battuta” e non mi attendevo alcuna risposta ma Lui, guardandomi negli occhi, dopo qualche minuto di silenzio, mi disse “ … perché no … sei in grado di organizzare … ?” . Pensavo scherzasse e solo dopo avermelo detto con più energia come usava fare quando doveva ribadire un concetto in cui credeva fortemente, io dissi di sì … che ne sarei stato felice e che avrei dato il meglio di me per accoglierlo il 12 settembre che sarebbe venuto e per festeggiare il suo Record, a Malvito.

In effetti, con l’organizzazione della Associazione AxB Amici per i Bambini e dell’Amministrazione Comunale, Pietro il 12 settembre 2009 venne a Malvito a festeggiare il suo Grande Record … niente palchi né lussi, una semplice presentazione e un interessante dibattito sullo sport e la legalità nonché una cosa campestre di 6 km e, cosa meravigliosa, decine di Bambini che di confrontarono sull’asfalto della via centrale di Malvito, sui 200 metri. Pietro, fermo al traguardo e pronto ad accogliere i piccoli campioni, era visibilmente commosso e felice e il Popolo di Malvito entusiasta e lusingato per avere avuto la felicità e l’onore di ospitare il Grande Campione nel giorno del trentesimo anno dal record del mondo: Pietro Mennea che aveva rinunciato a ben più grandi e visibili palcoscenici per scegliere un piccolo paese della Calabria … Malvito con i suoi Bambini ed il loro entusiasmo.
Pietro Mennea, al di là del proprio grande Record, rievoca ancora oggi l’immagine di un’impresa simbolo dello sport nazionale e non solo, come Uomo un esempio da seguire. Da sempre Mennea è anche sensibile ai temi sociali e dell’infanzia, dal 2008 era testimonial di “Giù le mani dai bambini”, la più visibile campagna italiana per la farmacovigilanza pediatrica, che si batte contro la disinvolta somministrazione di psicofarmaci ai bambini ed ha creato la “Fondazione Pietro Mennea”, anch’essa operante sul fronte della tutela dei minori.

Ugo Scalise

Condividi

Categorie: Cosenza Tags:

Visite: 133

Lascia un commento

Web Design WeBlasa

Iscriviti alla nostra mailing list

* indicates required

Copyright © Jblasa.com 2003 - 2019 | Design by WeBlasa.com | Theme: Jblasa by WeBlasa.com