Calabria Vacanze e Turismo

Le Isole Pelagie sono un arcipelago della Sicilia

Isole Pelagie

jblasa4 || 18 settembre 2017 || 5:37.pm || no comment || Visite: 36

Categoria:

Le Isole Pelagie sono l’arcipelago più meridionale d’Italia.

Situate nel mezzo del mar Mediterraneo, tra le coste tunisine e siciliane, rappresentano la punta meridionale della Repubblica Italiana, ma geologicamente due di queste (Lampedusa e Lampione) appartengono al continente africano. Insieme all’Indonesia rappresenta un rarissimo caso di arcipelago transcontinentale.

La Riserva Marina
Ci sono tre isole sperdute: una bianca, una nera, una piccolissima. Potrebbe iniziare così la storia dell’Arcipelago delle Pelagie; isole riunite dalla geografia, ma appartenenti, geologicamente parlando, a due continenti: all’Africa Lampedusa e Lampione, all’Europa Linosa. Le prime, infatti, hanno una natura prevalentemente calcarea e appoggiano su una piattaforma che si protende fino a quella tunisina. Linosa invece emerge da una fossa che separa la piattaforma siciliana da quella africana.

Lampedusa
Nella classifica delle isole italiane, Lampedusa viene al tredicesimo posto per le sue dimensioni, 21 kmq, con un perimetro di 33,3 km e un’altezza massima (133 m) in località Albero del Sole. Ma questo non rende affatto l’idea di cosa significhi sbarcare su quest’isola assolata e rocciosa, dove il verde permane soprattutto nel fondo dei profondi valloni che solcano il lato sud di Lampedusa per terminare in una delle incantevoli cale che si susseguono lungo la costa come Cala Greca, Cala Galera, Cala Pulcino

Linosa
A una trentina di miglia da Lampedusa, Linosa è un’isola di poco più di 5 kmq le cui origini vulcaniche sono chiaramente testimoniate dalle sue rocce nere, formate da basalti cui si sovrappongono colate di lava, tufi e ceneri, che creano un pittoresco contrasto con il verde dei fichi d’India, il bianco dei gigli di mare, e dai profili di ben tre crateri: il Monte Rosso, il Monte Nero e il Monte Vulcan alto (195 m).

Lampione
Lampione, “abitato” solo da un faro, si immerge nel mare con pareti quasi verticali per circa 60 mt. di profondità ed è quindi un fondale incontaminato, vero paradiso per i subacquei che qui possono incontrare cernie, aragoste, corallo giallo e rosa e lo squalo grigio.

Condividi

Tag: - Categorie: Escursioni - Visite: 36

Lascia un commento

X