Popoli e religioni protagonisti al Festival “Culture a confronto”

Si è conclusa con successo la quinta edizione del festival “Culture a confronto” che ha visto anche quest’anno Tropea trasformarsi nella capitale mondiale del folclore.

L’evento fisso dell’estate calabrese – promosso dall’Associazione “Culture a Confronto” in collaborazione con il gruppo “Città di Tropea” ed il patrocinio del Comune di Tropea – ha avuto come protagonisti i gruppi provenienti da Benin, Bosnia, Colombia, Panama, Nuova Zelanda e Georgia che, introdotti dai “piccoli” e dagli adulti del Gruppo folk città di Tropea, hanno offerto al pubblico un viaggio emozionante tra i colori, suoni e costumi popolari.

La manifestazione, nella seconda giornata, è stata arricchita da un significativo momento di dibattito interreligioso, presso il Santuario della Madonna dell’Isola, alla presenza personalità in rappresentanza dei diversi credi. L’evento, intitolato “Festival Culture a confronto: Identità e mondo”, ha posto al centro il confronto tra religioni, dal mondo buddista a quello musulmano, dai tanti riti del credo cristiano a quello ebraico.

Protagonisti dell’incontro – ideato dalla Life communication e moderato da Domenico Gareri – Barbara Aiello, la prima rabbina donna riformata d’Italia; Hajib Mohamed, Imam di Udine; Ven. Miao Hong, monaca buddista; Don Enzo Petrolino, segretario regionale CEC per l’ecumenismo e membro della Consulta dell’ufficio nazionale della CEI per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso. A porgere i saluti è stato, tra gli altri, il vicepresidente della giunta regionale della Calabria, Antonio Viscomi, il quale ha rivolto il proprio plauso agli organizzatori del Festival per l’impegno profuso a costruire – in una terra crocevia di incontri, di culture, di religione – ponti tra le diverse comunità favorendo occasioni importanti di crescita e di conoscenza reciproca in grado di superare ogni diversità.

Un importante momento di incontro, dunque, incentrato sull’idea religiosa di Dio come fonte di vita, amore e pace attorno a cui è possibile ritrovare nei valori della libertà, dell’inclusione sociale e dell’identità un comune patrimonio di conoscenza fondamentale per aprirsi all’altro.

Il dibattito è stato aperto da un momento di preghiera nella terrazza esterna al Santuario aperto alla presenza dei gruppi di Nuova Zelanda, Panama e Georgia. Al convegno ha partecipato, in rappresentanza dell’Istituto Superiore “Pasquale Galluppi” di Tropea, la neodiplomata Maria Letizia Del Vecchio che ha offerto il proprio punto di vista di giovane studentessa attorno al tema del dialogo interculturale ed interreligioso.

Durante la serata è stato consegnato, inoltre, il premio “Culture a confronto”, realizzato da Michele Affidato e conferito a personaggi che, con la propria attività, si sono distinti nel campo sociale, culturale e religioso. Tra gli insigniti Farhad Bitani, educatore afghano e ultimo figlio del Generale Mohammad Qasim, fondatore dell’organizzazione internazionale Global Afghan Forum per la promozione dell’educazione dei giovani e dello sviluppo del suo Paese. Farhad ha emozionato tutti i presenti nel raccontare la propria testimonianza di maturazione umana attraverso l’incontro con il diverso.

A ritirare il premio anche don Antonio Tarzia, già direttore delle edizioni San Paolo e fondatore della rivista Jesus, che ha posto l’accento sul valore della cultura e dell’editoria per promuovere il dialogo interreligioso e interculturale, ricordando l’impegno decennale alla guida dell’associazione Centro Studi Cassiodoro per celebrare, anche attraverso un Premio, la figura di un personaggio simbolo della storia calabrese. Insigniti del riconoscimento anche la “cantastorie” Francesca Prestia – premiata dal segretario regionale della Federazione italiana tradizioni popolari, Franco Megna – che da diverso tempo porta avanti un percorso artistico alla riscoperta delle tradizioni del territorio, e la dirigente scolastica dell’Istituto Superiore “Pasquale Galluppi” di Tropea, Beatrice Lento – premiata dal dott. Luigi Mariano Guzzo del master in beni culturali ed ecclesiastici dell’Università Magna Graecia di Catanzaro – per l’impegno profuso all’interno del mondo della scuola nel promuovere il dialogo interculturale e interreligioso tra i più giovani. Alla serata, aperta dalle coreografie della scuola “Maison de la danse” e chiusa dal corteo finale sulle note dell’inno del Giubileo “Da fratello a fratello” scritto da Franco Fasano, ha portato i propri saluti anche Benito Ripoli, presidente FICT il quale ha sottolineato il percorso di crescita di un Festival in grado di attualizzare e concretizzare i programmi nazionali volti alla tutela e alla valorizzazione del folklore anche come strumento di turismo culturale. Un messaggio condiviso da tutti i partecipanti nel ribadire che solo la conoscenza reciproca può aiutare gli uomini a dialogare e a volersi bene abbattendo ogni barriera.

Per informazioni: www.cultureaconfronto.com

Condividi
Vuoi aggiungere la tua attività su Jblasa.com, scrivi a: jblasa@jblasa.com

Tag:
Categorie: Festival
Visite: 540

Lascia un commento

X