Agli Antipodi: un ponte tra le periferie culturali e geografiche

La Compagnia Licia Lanera è capofila del progetto di inclusione culturale e sociale della Regione Puglia – coordinato dal Teatro Pubblico Pugliese – che prende il via nel quartiere di San Pio/Ex Enziteto e Laterza (TA). Il progetto è realizzato in collaborazione con la Cooperativa sociale GET e con l’associazione culturale TeatroLab – Restiamo Umani.

La Compagnia Licia Lanera, con la preziosa partnership della Cooperativa sociale GET e dell’associazione culturale TeatroLab – Restiamo Umani, ha dato vita al progetto “Agli Antipodi – Un ponte tra le periferie culturali e geografiche”, vincitore dell’avviso pubblico “Periferie al centro”, intervento di inclusione culturale e sociale della Regione Puglia – Assessorato all’Industria Turistica e Culturale e Assessorato al Bilancio e programmazione unitaria, Politiche Giovanili, Sport per tutti, coordinato dal Teatro Pubblico Pugliese.

Agli Antipodi è anche il nome del progetto di formazione teatrale che sin dal 2012 la compagnia pugliese, capitanata dall’attrice Licia Lanera, porta avanti nella sua “casa”, dapprima situata al confine tra Madonnella e Japigia ed ora nel nuovo spazio al quartiere Carrassi. La dimensione della periferia ha sempre significato lavorare con il tessuto più vivo della città e costruire con essa un dialogo costante. Partendo dal concetto che il Teatro è comunità e aggregazione, si vuole avviare un percorso di condivisione e diffusione artistica a San Pio/Ex Enziteto a Bari e a Laterza (TA), mettendo al centro la pratica del teatro.

“Agli Antipodi – Un ponte tra le periferie culturali e geografiche” è un progetto multidisciplinare che, oltre ai laboratori e ad uno spettacolo della compagnia, è arricchito da momenti di approfondimento organizzati dalla Cooperativa sociale GET e da incontri tematici curati dall’associazione culturale TeatroLab – Restiamo Umani.

Le attività sono inserite all’interno di un fitto calendario di eventi che prevede due laboratori esperienziali con i rispettivi esiti di laboratorio aperti al pubblico, uno spettacolo teatrale e cinque incontri formativi. Tutte le attività sono dedicate alle comunità di riferimento.
Si entra nel vivo delle iniziative mercoledì 21 ottobre, a Laterza, con il primo incontro formativo del progetto a cura dell’associazione culturale TeatroLab – Restiamo Umani.

Da venerdì 23 prende il via laboratorio teatrale di “Di cosa è fatta la luce”, condotto da Ermelinda Nasuto, formatrice della Compagnia Licia Lanera, nell’Ex Chiesa del Purgatorio a Laterza (TA). Il laboratorio si svolge fino domenica 25 ottobre.

Un percorso che, dalla costruzione del gruppo e dagli esercizi di fiducia fino alla creazione sonora, tiene conto dell’antinomia buio/luce, forza/abbandono, apparenza/sostanza. Di cosa è fatta la luce se lo chiede anche Galileo Galilei nel testo di Brecht a lui dedicato. Questo è il materiale drammaturgico di partenza per indagare cosa significhi mettersi in crisi, mettere in dubbio. Il laboratorio è rivolto ai ragazzi di età compresa tra i 13 e i 17 anni, i quali domenica 25 ottobre alle ore 20.30 – sempre all’interno dell’Ex Chiesa del Purgatorio – si misurano con il pubblico in una messa in scena finale (ingresso gratuito con prenotazione).

I prossimi appuntamenti in programma prevedono un laboratorio (24 e 31 ottobre, 7, 27 e 28 novembre) realizzati con i ragazzi del quartiere di San Pio, condotto da Licia Lanera e Danilo Giuva, negli spazi dell’Accademia del Cinema dei Ragazzi di Enziteto. Al termine del laboratorio è previsto un esito finale davanti al pubblico; sono previste due repliche: sabato 28 e domenica 29 novembre, ore 20.30
Venerdì 20 novembre, alle ore 20.30, nell’Ex Chiesa del Purgatorio a Laterza (TA), va in scena Mamma di Annibale Ruccello con Danilo Giuva.
Cinque sono le attività extra in calendario: a cura della Cooperativa sociale GET, due appuntamenti del gruppo di Psicodramma Analitico, un’attività che unisce in sé più discipline, dal teatro al cinema alla psicologia. Si tratta di un gaming che, attraverso differenti canali espressivi, mira a sviluppare la consapevolezza di sé.

Tre sono gli incontri a Laterza a cura dell’associazione culturale TeatroLab – Restiamo Umani, per raccontare il teatro attraverso momenti tematici di approfondimento, al fine di creare un pubblico sempre più consapevole e critico.

Gli esiti di laboratorio sono aperti al pubblico e gratuiti.
Domenica 25 ottobre 2020, ore 19.30 nell’Ex Chiesa del Purgatorio a Laterza (TA).
Sabato 28 novembre 2020, ore 20.30 negli spazi dell’Accademia del Cinema dei Ragazzi di Enziteto.
Domenica 29 novembre 2020, ore 18.00 negli spazi dell’Accademia del Cinema dei Ragazzi di Enziteto.
Per prenotarsi occorre mandare una mail a info@compagnialicialanera.com, specificando data, luogo e numero di spettatori.

Venerdì 20 novembre nell’Ex Chiesa del Purgatorio a Laterza (TA)
Mamma di e con Danilo Giuva
Posto unico €10
Prevendita biglietti, da lunedì a giovedì, dalle ore 17 alle ore 20,
in via Giambattista Vico 29, Laterza (TA) – sede dell’associazione culturale TeatroLab – Restiamo Umani
per info teatrolab.restiamoumani@gmail.com | Tiziana Mele 3927438853

Per maggiori informazioni:
Silvia Milani
3343080555
www.compagnialicialanera.com
info@compagnialicialanera.com

Categorie: Puglia Tags:

Visite: 11

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra mailing list

* indicates required